Select Page

Qui puoi scaricare la lezione in pdf

Si dice che la formazione del carattere sia il compito più importante mai affidato agli esseri umani. Nell’ora che segue esploreremo sia il nostro privilegio sia la nostra responsabilità nell’assomigliare a Cristo nel carattere. State con noi in questo momento importante per il rinnovamento personale in cui il pastore Stephen Wallace ci porterà “Di gloria in gloria”.

Buonasera amici, e felice Sabato a voi. Ringrazio il Signore che il Sabato sia qui. Che benedizione ci ha dato il nostro Creatore, ora Redentore, nel Sabato, un memoriale del compimento della Sua opera di creazione. Si è conclusa 6000 anni fa (AH 539.3).Ma è più di questo, no? 2000 anni fa ha gridato di nuovo, il nostro Creatore che è diventato il nostro Redentore: “E’ compiuto”sulla croce (Gv 19:30);e quando l’ha gridato? Di venerdì pomeriggio, e che cosa ha fatto dopo aver compiuto l’opera della salvezza? Si è riposato nella tomba, e quindi anche noi riposiamo in e con Lui, non solo nostro Creatore, ma anche nostro Ri-creatore. Amen? (Amen) Oh, ringraziamo Dio per il Sabato. Lodiamo Dio per il Sabato. Mi aspetto un’effusione speciale del Suo Spirito su di noi in questo giorno santo. Ma miei cari amici, sarà nostra se cosa? Se la chiederemo. Desidera effondere il Suo Spirito Santo su di noi, e credo che sia felice di darci una misura extra del Suo Spirito in questo giorno di Sabato. Ma anche se desidera farlo, non può a meno che non chiediamo. “Chiedete e vi sarà dato” (Mt 7:7).Cari compagni Laodicei, lo sentite stasera che bussa? Che bussa alla porta del vostro cuore? Sapete, lo dice soprattutto a noi, il Testimone Verace, “Ecco io sto alla porta e busso” (Apocalisse 3:20).Vuole entrare, ma aspetta cosa? Il nostro invito. Attende che apriamo la porta e Lo invitiamo a entrare. Sceglierete di farlo stasera? E mentre pregate per voi, preghereste anche per me? Desidero le vostre preghiere, mi servono le vostre preghiere. Passiamo un po’ del nostro tempo in preghiera silenziosa prima di iniziare il nostro studio di stasera.

Padre mio nei Cieli, nel nome di Gesù Cristo, il Signore nostra Giustizia, vengo a lodarTi e a ringraziarTi per il dono prezioso del giorno di Sabato. Ti ringrazio per averlo fatto così profondamente importante. Ti onoriamo e ci appoggiamo a Te, nostro Creatore e nostro Redentore. Ti ringraziamo così tanto per esserTi preparato a venire e a diventare nostro fratello in modo speciale questo Sabato. Ti invitiamo a farlo; in realtà Ti imploriamo sinceramente di riempire il santuario della Tua presenza in tutto questo giorno sacro. Ma, Padre, vogliamo più di questo. Vogliamo che Tu riempia i nostri corpi-templi in modo speciale in tutto questo giorno. Non possiamo osservare il Tuo Sabato a meno che il Tuo Santo Spirito non sia nei nostri cuori. Solo la Tua presenza può rendere qualsiasi cosa sacra, quindi riempi questo tempo e questo spazio -questo luogo e i nostri cuori- con lo Spirito Santo. Velocizza e dai energia alle nostre facoltà mentali e spirituali, e mentre studiamo la Tua Parola sacra, che il Tuo Spirito Santo ci renda in grado di capire e apprezzare e mettere in pratica la legge sacra e i principi sacri e la verità sacra della Tua Parola sacra nelle nostre vite, in modo che mediante lo Spirito Santo, possiamo diventare santi. Vogliamo essere santi perchè Tu e e Gesù siete santi e vogliamo essere come Voi. Quindi, per favore, Signore, rendilo possibile. Guida e dirigi il nostro studio stasera in modo speciale, sai quanto sia importante, e Ti prego di guidare i miei pensieri e di comporre ogni mia parola, e quello che sei in grado di fare attraverso di me, Padre mio, fa’ che trovi menti e cuori recettivi, e soprattutto volontà sottomesse in modo che le nostre vite possano essere trasformate. Santificaci mediante la verità. Te lo chiediamo nel nome di Colui che è la Verità, nel nome di Gesù. Amen.

Abbiamo studiato insieme il ruolo della volontà, e abbiamo scoperto che è assolutamente centrale, e siamo arrivati a capire la verità della frase ispirata: “L’importanza della volontà….Dalla quale dipende tutto” (VM 47.4).Tutto. Lo abbiamo soprattutto visto quando si tratta di vincere le tentazioni, e abbiamo fatto un attento studio di quel brano importantissimo di Giacomo che spiega in modo molto sistematico il processo della tentazione usando come spiegazione il processo della nascita, una cosa che viene dal mondo tangibile, e siamo profondamente debitori a Giacomo per averlo fatto perché ci ha aiutato davvero a capire meglio quello che succede nel mondo intangibile, il mondo spirituale, e se capiamo l’equivalenza di ognuno degli stadi del processo della nascita, e abbiamo cercato di farlo ieri sera e spero sia stato chiaro e che abbiate capito quanto è di fondamentale importanza cedere senza riserva la vostra volontà a Gesù Cristo.

La nostra volontà per natura è legata al vecchio uomo, e mediante lui, è legata a Satana, perché Satana può manipolare e controllare la nostra volontà attraverso i desideri della carne, ed è il modo in cui rimane, perché sapete, fino a che la morte non ci separi, la volontà sarà tirannizzata dal suo marito naturale, il vecchio uomo. Alla creazione la volontà umana era sposata con il Signore Dio. Isaia 54: “Poiché il Tuo creatore è il tuo sposo, il Suo nome è l’Eterno degli Eserciti”.Ma nel Giardino dell’Eden, l’aiuto umano del divino Creatore ha divorziato da Lui, e tragicamente, non solo ha divorziato, ma si è sposato con il vecchio uomo e il suo alleato, Satana, e da allora siamo tirannizzati da questo tiranno miserabile di marito, il vecchio uomo, ed ecco perché rimaniamo così fino a cosa? …fino a che morte non ci separi.

Ricordate la legge del marito? “I tuoi desideri si volgeranno verso il tuo marito ed egli dominerà su di te” (Gen 3:16).Fino a che regnerà il vecchio uomo, la volontà umana… e qual è il nome che le abbiamo dato ieri sera? Wilma. Wilma è una moglie sottomessa e inerme, non può far altro che dire: “Sì, caro”.“Quello che vuoi, caro, e quello che voglio, caro”.Ma faremmo meglio a non farlo sapere al mondo, teniamolo privato, perché se il mondo lo sa, potrebbe danneggiare la nostra reputazione. E quindi con la motivazione dell’ego, cerchiamo di tenere dietro tende tirate e porte chiuse il peccato privato e l’immaginazione, dove pensiamo che nessuno sappia cosa sta accadendo. Ma chi lo sa sempre? Dio. Sapete, non vede come vede l’uomo. L’uomo guarda all’apparenza esterna, ma Egli guarda dove? …al cuore (1 Salmi 16:7)e ogni volta che Wilma cede ai desideri della carne, e permette che siano immaginati, contemplati, apprezzati, nell’intimità dei suoi pensieri, agli occhi di Dio cosa facciamo, amici miei? Pecchiamo, perché a quel punto “la concupiscenza ha concepito” (Giacomo 1:15) e prima o poi, chiediamo a qualsiasi madre, se avete concepito, cosa farete?…partorirete. Ecco quando commettiamo l’atto. Esce dal ventre della mente ed entra nel mondo del comportamento e la gente lo vede e molte volte ne è colpita, perché non sapeva quello che stava succedendo dietro le tende tirate e le porte chiuse della stanza della mente. Non ne era consapevole.

Miei cari amici, se abbiamo concepito, dovremo partorire, a meno che cosa? …A meno che non abortiamo. Ricordate? 1 Gv 1:9 “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da” cosa? “…perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità”.Grazie a Lui, il processo è abortito, e non dobbiamo commettere l’atto. Ma dovete rendervi conto che è un peccato prima di confessarlo, e proprio qui è dove molti si confondono e si sbagliano. Non pensano di aver commesso il peccato fino a quando non lo fanno. Ma miei cari amici, non è quello che insegna Gesù. Dite che se commettete adulterio siete già colpevoli, “Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei”dove? “nel suo cuore” (Mt 5:28).Nell’intimità della sua mente. Quindi dopo aver riconosciuto che abbiamo commesso il peccato, dobbiamo confessarlo prima che entri nel mondo del comportamento.

Che concetti importanti, mi sento colpito solo a ripeterli stasera, soprattutto per coloro che non erano qui ieri sera. Ma tutti dobbiamo renderci conto che Wilma non è capace di respingere le avances seducenti del vecchio uomo, meglio conosciute come tentazioni, in e da se stessa. Deve essere data a un altro, deve sposarsi con un altro, e come fa a sposarsi con un altro? Beh, deve morire….O il suo primo marito deve morire. Deve morire al vecchio uomo, è un altro modo per dirlo, e come lo fa? Andando ai piedi della croce e affermando che la morte di Cristo al peccato è sua. Dicendo “Io muoio” al vecchio uomo, e poi facendo cosa? Dicendo: “Lo voglio”a Gesù e in questo modo diamo la volontà al suo nuovo marito ed egli ne prende possesso, ne prende possesso e diventiamo una cosa sola con Lui, una cosa sola nello Spirito, e miei cari amici, ci sono un paio di frasi che io… Devo condividere con voi ma ero troppo di fretta ieri sera. Qui a pagina 65, a pagina 65, secondo dall’alto. Review and Herald, 15 marzo 1892: “Quando Cristo dimora nel vostro cuore per fede, diventa vostra questa ricca esperienza. Saprete che l’amore sta fluendo nei vostri cuori sottomettendo ogni affetto e ogni pensiero e portandolo all’ubbidienza di Cristo. Non potete spiegarlo, la lingua umana non potrà mai spiegare come l’amore di Cristo possa prendere possesso dell’anima, e sottomettere ogni potere della mente. Ma lo saprete dall’esperienza personale”.

Miei cari amici, se non avete fatto quell’esperienza personale, per favore sappiate che è perché non vi siete ancora sposati con Gesù. Capite, quando vi sposate con Gesù, Egli per voi “Si distingue tra diecimila” (Cantico dei cantici 5:10) Diventa “attraente in tutto” (Cantico dei cantici 5:16),e queste sono frasi del Cantico dei Cantici di Salomone, tra l’altro, che usa l’unione del matrimonio come esempio dell’unione con Cristo, ed è l’amore di Cristo ci costringe (2 Cor 5:14),e rendiamo sottomesso ogni pensiero all’ubbidienza di Cristo (2 Cor 10:5).Diventa la nostra magnifica ossessione.

Review and Herald, 30 maggio 1882, ascoltate questa: ” Per essere Cristiani viventi dobbiamo avere una connessione vitale con Cristo. Il vero credente può dire: ‘Ma io so che il mio Redentore vive” (Giobbe 19:25). Questa comunione intima con il nostro Salvatore toglierà il desiderio di gratificazioni terrene e sensuali. Tutti i nostri poteri del corpo, dell’anima, e dello spirito devono essere devoti a Dio. Quando gli affetti sono santificati, i nostri obblighi verso Dio diventano fondamentali e tutto il resto è secondario”.E possiamo dire con Davide, Salmi 73:25 “Chi ho io in cielo fuor di te? E sulla terra io non desidero altri che te”.”E sulla terra io non desidero altri che te”.

Oh, amici miei, avete questo tipo di relazione con Gesù? Per favore rendetevi conto che se non avete questo tipo di relazione con Gesù, allora non avete l’amore di Dio che vi forza, che vi costringe, e non c’è modo in cui possiate essere in grado di resistere ai desideri della carne se non con l’amore di Cristo. E’ l’unico modo.

Ora, avendo condiviso queste frasi, voglio continuare a prendere in considerazione con voi una delle principali responsabilità di Wilma nella mia famiglia, nella vostra famiglia. Quando la diamo a Cristo, Egli diventa suo marito, e i desideri di lei sono per Lui, ed Egli domina su di lei; e c’è un cambiamento radicale in tutto quello che accade, perché ora è sposata con un uomo radicalmente diverso rispetto a quello con cui era sposata. Il vecchio uomo aveva desideri depravati chiamati concupiscenze della carne. Tutto quello che tendeva a soddisfare i suoi desideri attraverso il piacere dei sensi, il piacere sensuale per i possedimenti terreni e per la gratificazione dell’ego è quello che desiderava, e la volontà era spinta ad assecondare quei desideri quando era sposata con lui. Ma ora è sposata con un Marito diverso ed Egli ha desideri diversi. Desidera per la vostra casa tutto quello che favorisce la fede, la speranza e l’amore, ma soprattutto cosa?…l’amore.

Tra l’altro è affascinante paragonare i desideri della carne quelli degli occhi e l’orgoglio della vita (1 Gv 2:16)che sono i desideri del vecchio uomo, con la fede, la speranza e l’amore che sono i desideri di natura spirituale. Affascinante. E’ uno studio solo questo. E’ un cambiamento così radicale che ora lei, come moglie devota che vuole compiacere il suo nuovo marito, si rende conto che c’è una dieta completamente diversa che bisogna preparare per sfamare l’anima. Miei cari amici, questo è l’argomento disponibile, la dieta mentale e ha effetti sulla formazione del carattere.

Vedete in Proverbi 31, che descrive la moglie e madre modello, qual è una delle principali responsabilità? Proverbi 31:15 “Si alza quando è ancora notte per distribuire il cibo alla sua famiglia, e dare ordini alle sue domestiche”.Vedete, Wilma governa la famiglia. La volontà è la forza che governa la natura dell’uomo. Ma essa stessa è sotto l’autorità del marito, e deve nutrire la famiglia secondo i desideri di Lui. Ma se è davvero sposata con Lui, i desideri di lei sono i desideri di Lui. Vedete, cosa dice la legge del marito? “I tuoi desideri si volgeranno verso il tuo marito ed egli dominerà su di te” (Gen 3:16)

Ma dove arrivano i guai, miei cari amici, è quando cerchiamo di far finta di essere sposati con Cristo quando invece siamo ancora sposati con il vecchio uomo. State ascoltando quello che sto cercando di spiegare qui? E’ un tentativo difficile perché per natura non siamo attratti da quello che Cristo desidera come nutrimento per le nostre menti. Siamo ancora tirannizzati dagli appetiti perversi del vecchio uomo. Quindi ciò che dobbiamo fare, ogni giorno, è assicurarci di fare il pellegrinaggio alla croce e dire quelle due cose. Quali sono? “Io muoio”,al vecchio uomo, e cosa? “Lo voglio” a Gesù. “Lo voglio”, sottomettere a Te la mia volontà, Signore Gesù, desidero quello che desideri Tu, e con la potenza dello Spirito Santo Egli cambierà i vostri desideri. Ma dobbiamo collaborare con Lui in questo processo, non succede dalla sera alla mattina, e il modo in cui sviluppiamo nuovi desideri è smettendo di nutrire il vecchio uomo, e nutrendo coscienziosamente il nuovo uomo in tutto quello di cui ha bisogno. Paolo lo dice così. Romani 13:14 “Ma siate rivestiti del Signor Gesù Cristo e non”cosa? “abbiate cura della carne per soddisfarne le sue concupiscenze”.…non cosa? Le concupiscenze occasionali? No. Cosa? …Non abbiate cura della carne per soddisfarne le sue concupiscenze.

Ora, la cura, cosa vuol dire avere cura? Beh, quando andate in campeggio, di cosa dovete aver cura principalmente? Del cibo. Ok, alcuni di voi hanno le stesse mie priorità in campeggio. Che cos’è una gita in campeggio senza del buon cibo? Quando Paolo dice: “Non abbiate cura della carne per soddisfarne le sue concupiscenze”,ci esorta a non nutrire il vecchio uomo in nessun modo. Ho sentito un “amen”? (Amen). E miei cari amici, questo è l’unico modo in cui possiamo mettere il Signore Gesù Cristo sul trono nella nostra vita e tenerLo sul trono. Sapete, quello che molti di noi cercano di fare è di mettere Cristo sul trono e poi procedono a nutrire il vecchio uomo. Ma se nutriamo il vecchio uomo, che cosa farà inevitabilmente? Riacquisterà influenza. Non solo rimarrà, ma regnerà di nuovo (Romani 6:12).Vedete, se soddisfiamo le concupiscenze della carne, se obbediamo ai desideri della carne, il peccato non solo rimane, ma regna, e se il peccato regna, chi non lo fa? Gesù. Quindi è assolutamente imperativo che se vogliamo rivestirci del Signore Gesù Cristo, e tenerLo lì, dobbiamo mediante la Sua grazia, fare cosa? ….Non aver cura della carne, nessuna! Nessuna cura della carne.

Ed è così importante quando si tratta della formazione del carattere mantenere Gesù Cristo sul trono? Medical Ministry (Ministero medico, NdT), pagina 201: “…rivestirsi di Cristo per non toglierseLo più, ma lasciando che il Suo Spirito formi la mente e il carattere”.E’ solo, amici miei, tenendo Cristo sul trono che Egli può fare in modo che il Suo Spirito formi a Sua somiglianza ancora una volta il nostro carattere.

Questa storia della dieta mentale, prendetela in considerazione con me. Principi di educazione cristiana, pagina 72: “La mente e lo spirito sono formati da ciò di cui si nutrono. Sta a noi stabilirne il nutrimento, nel senso che rientra nella facoltà di ciascuno scegliere le idee che dovranno occupare la mente e formare il carattere…”.

Ora per favore tracciamo gli ultimi tre passaggi. Andiamo a ritroso. Che cosa forma il carattere? Quello che occupa la mente, e cosa occupa la mente? Quello che decidiamo che nutre la mente, le idee che decidiamo che nutrono la mente. Per favore capite, miei cari amici, la relazione diretta, allora, tra la dieta mentale e il carattere che abbiamo. Sapete, cos’è il carattere? L’insieme dei pensieri e sentimenti (5T 310.1).Che cosa determina quello che pensiamo e sentiamo? Come programmiamo la mente. La mente è un computer meraviglioso, abbiamo già usato quest’immagine prima, e quello che determina direttamente come funziona è come la programmiamo, e come la programmiamo? Coi sensi. E’ esattamente quello che scegliamo di lasciar entrare soprattutto attraverso gli occhi e le orecchie, che determina direttamente come pensiamo, e come pensiamo determina chi siamo. “Come uno pensa nel suo cuore, così egli è” (Prov 23:7).Quindi per favore non trascurate l’importanza di gestire in modo attento la vostra dieta mentale. E’ assolutamente fondamentale se volete formare un carattere simile a Cristo. Ci siamo tutti? Capite?

Ora, quello che dovete capire, come cristiani, dovete affrontare due tipi di desideri radicalmente opposti. Quali sono? Galati 5:17 “La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne e queste cose sono”cosa? “opposte l’una all’altra…”.Vedete, ricordate che quando riceviamo una natura nuova, anche se la vecchia natura non regna più, cosa fa? Rimane. Anche se non presiede, risiede ancora, e ancora ha quei desideri perversi, no? Desideri di quello che gratificheranno le sue tendenze e inclinazioni all’egoismo, e quello che dobbiamo fare è rifiutarci di nutrire quello che desidera.

Se doveste tirar fuori un quadernino e sedervi e intervistare il vostro vecchio uomo, e chiedergli cosa desidera, che cosa desidera per natura per quanto riguarda la dieta mentale, e scriveste in cima al vostro foglio “menu carnale”e faceste una lista, scoprireste tutto quello che tende a soddisfare le concupiscenze della carne, la concupiscenza degli occhie cos’altro? …l’orgoglio della vita, e tutte queste cose rientrano sotto cosa? …l’egoismo, l’egoismo. Poi se giraste pagina e intervistaste il vostro uomo spirituale, e gli chiedeste cosa desidera, per quanto riguarda la dieta mentale, e sotto la dicitura “menu spirituale”scriveste quello che desidera, cosa scoprireste? Tutto quello che soddisfa il desiderio di una fede più grande, una speranza più grande, un amore più grande. E poi, se prendeste e comparaste i due menu cosa scoprireste? Che sono radicalmente opposti in ogni senso, radicalmente opposti. Questo è il motivo esatto per cui le Scritture dicono: “Nessuno può servire due padroni”. (Mt 6:24)Nessuna moglie può servire due mariti. Nessuna volontà può servire due nature. Perciò cosa? “Scegliete oggi chi servire”.(Giosuè 24:15)  Dovete scegliere, no? Dovete scegliere, e miei cari amici, per favore sappiate che quella scelta è assolutamente fondamentale, perché quello che scegliete di dare come nutrimento alla mente, determinerà direttamente il carattere. Ci siete tutti con me su questo?

Signs of the times (Segni dei tempi, NdT), 9 marzo 1882: “La mente cresce secondo quello di cui è nutrita. Gradualmente la comprensione…”attenti! “Gradualmente la comprensione si adatta ai temi che deve cogliere”.L’adattamento graduale della mente ai temi e al materiale con cui la nutrite è potenzialmente ingannevole e potenzialmente scoraggiante. Cosa voglio dire? Beh, potenzialmente ingannevole perché se cediamo alla natura carnale e gratifichiamo i suoi appetiti perversi siccome il carattere, la mente, si adattano solo gradualmente, possiamo ingannarci e pensare che non siamo influenzati negativamente da quello con cui nutriamo la mente. Sentite quello che sto cercando di dirvi per mettervi in guardia qui? Potete pensare che non ha un effetto negativo su di voi. Perché? Perché il cambiamento è lento, l’adattamento è graduale, ma farete meglio a credere che è certo. Determinate, per legge, la formazione del carattere in base a come nutrite la vostra mente. Anche se non siete consapevoli di cambiamenti enormi e radicali. E’ una cosa graduale.

La natura graduale del cambiamento può anche essere scoraggiante. Come mai? Beh, quando decidete, per amore di Cristo, di cambiare dieta mentale, e iniziate a rifiutarvi di nutrire il vecchio uomo – di non aver cura della carne (Rom 13:14),e decidete di nutrire coscienziosamente il vostro uomo spirituale per quello che desidera e che gli serve, vi rendete conto di un cambiamento rapido, radicale verso un carattere simile a Cristo? No. In realtà i cambiamenti saranno dolorosamente lenti, e potreste essere tentati di pensare che non state facendo nessun progresso, e questo può essere scoraggiante, no? Ma per favore, non scoraggiatevi. Continuate coscienziosamente a nutrire la mente con cibo spirituale e vi prometto che si santificherà, renderà spirituale e simile a Cristo il vostro carattere. Sarà così.

Ora, alla luce di questo principio, che cosa non dobbiamo dare alla nostra mente? Voglio iniziare dando un’occhiata a quello che non dovremmo dare alla nostra mente e poi domani mattina daremo un’occhiata a quello che dovremmo dare alla nostra mente. Alla luce del fatto che la dieta mentale determina direttamente il carattere, che cosa non dovremmo dare alla nostra mente? Non dovremmo permettere che la mente venga programmata dai sensi, soprattutto dagli occhi. Ascoltiamo l’impegno di Davide, il suo patto con Dio, e per favore, miei cari amici, riconoscete che val la pena imitarlo. Salmi 101:3-4 “Non metterò davanti ai miei occhi alcuna cosa malvagia”.Ho sentito un “amen”? (Amen). “Non metterò davanti ai miei occhi alcuna cosa malvagia”.Alla luce del fatto che contemplando saremo cambiati (RH, 6 dicembre 1881, par. 15), alla luce del fatto che quello che diamo alla nostra mente forma il carattere…determina direttamente il nostro carattere, quanto è importante non mettere davanti agli occhi alcuna cosa malvagia, e per favore notate che se facciamo un patto con Dio per farlo e nella Sua forza ci rifiutiamo di mettere cose malvagie davanti agli occhi, quali saranno i vantaggi che avremo? Seguono.

Numero 1: “Io detesto il comportamento di quelli che si sviano” (Salmi 101:3).Come funziona? Beh, per favore sappiate che l’esposizione alla malvagità vi rende insensibili alla sua bruttezza. E’ un principio psicologico imprescindibile. L’esposizione alla malvagità vi rende insensibili alla sua bruttezza. Quindi se mettete cose malvagie davanti ai vostri occhi, non le detesterete. In realtà, se continuate a mettere cose malvagie davanti agli occhi arriverete a fare cosa? Ad abbracciarle e amarle. Quindi, come fare per detestare il comportamento di quelli che si sviano? Detestando le cose malvagie? Dovete decidere di non metter alcuna cosa malvagia davanti agli occhiin modo che mediante lo Spirito Santo possiate tornare a essere sensibili alla sua bruttezza. Capite? E allora mediante la grazia di Dio, mediante lo Spirito Santo, arriverete a detestare le cose malvagie, a detestare il comportamento di quelli che si sviano. Ma dovete collaborare con lo Spirito Santo in questo processo di ri-sensibilizzazione scegliendo di non mettere davanti agli occhi alcuna cosa malvagia.E’ chiaro?

Guardate cos’altro vive Davide e voi ed io vivremo se scegliamo di non mettere alcuna cosa malvagia davanti agli occhi. “Non mi lascerò contagiare” (Salmi 101:3).Quello che contempliamo è quello che cattura la nostra attenzione, e se continuiamo a contemplarlo, inizia a tirannizzare la nostra mente e l’unico modo in cui possiamo rompere questa tirannia è, con la grazia di Dio, non mettendo nulla di malvagio davanti agli occhi.Allora e solo allora non ci contagerà.

Guardate un altro vantaggio, versetto 4: “Il cuore perverso si allontanerà da me, non voglio saperne del male”.Ora, è ovvio. La condizione del cuore è determinata direttamente da quello di cui lo nutriamo, da come lo programmiamo. Quindi se scegliamo di non mettere davanti agli occhi alcuna cosa malvagia, il cuore perverso si allontanerà da me, non voglio saperne del male. Vedete la relazione causa-effetto qui? Benedizioni enormi, ma che possono essere nostre solo quando, con la grazia di Dio, scegliamo di fare cosa? …di non mettere davanti agli occhi alcuna cosa malvagia, davanti agli occhi alcuna cosa malvagia.

Guardate quello che dice Giobbe al riguardo: “Se i miei passi sono usciti dalla retta via, e il mio cuore ha seguito i miei occhi…” (Giobbe 31:7).Non è interessante? Che cosa fa il nostro cuore? Segue gli occhi. Perché? Perché il cuore funziona sulla base di come lo programmiamo con gli occhi, e se contemplate quello che è male, quello che è carnale, quello che è mondano, quello che è malvagio, il vostro cuore seguirà a ruota e sarà influenzato direttamente, in modo negativo.

Testimonies (Testimonianze, NdT), pagina 561: “Dovete diventare sentinelle fedeli…”.Che cos’è una sentinella fedele? Una guardia che è sempre in servizio. Amen? “Dovete diventare sentinelle fedeli dei vostri occhi, delle orecchie e di tutti i sensi se volete controllare la mente e evitare che pensieri vani e corrotti macchino la vostra anima. Solo il potere della grazia può compiere quest’opera altamente desiderabile”.Oh, miei cari amici, è così imperativo fare la guardia a tutte le vie dell’anima che sono gli occhi, le orecchie, e anche gli altri sensi. Ma soprattutto gli occhi e le orecchie sono le vie attraverso cui la mente viene programmata in modo più diretto.

Guardate cosa ci dice Pietro al riguardo. 1 Pietro 1:13-16 “Perciò avendo cinti i lombi della vostra mente”.Pausa. Sapete, si è perso nella nostra cultura occidentale, ma quelli a cui scrive Pietro capivano esattamente quello che diceva. “Perciò avendo cinti i lombi della vostra mente”.Vedete, ai tempi della Bibbia, gli uomini indossavano quegli abiti piuttosto ampi, lunghi, e se dovevano andare da A a B, soprattutto se dovevano andarci in fretta, che cosa dovevano fare per essere sicuri di non inciampare? Dovevano prendere il vestito e fissarlo in vita e infilarlo dentro in modo da camminare sicuri. Se lo lasciavano svolazzare, poteva facilmente rimanere impigliato in una roccia o a un bastone o a un ramo o a un arbusto con le spine e sarebbero stati nei guai. Pietro ci sta dicendo, amici, che dobbiamo prendere i nostri pensieri e arrotolarli intorno a Gesù Cristo, se vogliamo essere sicuri di non inciampare mentre procediamo verso l’obiettivo. “Perciò avendo cinti i lombi della vostra mente, siate vigilanti, e riponete piena speranza nella grazia che vi sarà conferita nella rivelazione di Gesù Cristo. Come figli ubbidienti, non conformatevi alle concupiscenze del passato, quando eravate nell’ignoranza, ma come colui che vi ha chiamati è santo, voi pure siate santi in tutta la vostra condotta, poiché sta scritto: “Siate santi, perché io sono santo””. (Levitico 11:45)

E miei cari amici, ricordate, se vogliamo essere santi, dove dobbiamo essere santi? Beh dove siamo? “Come pensa nel suo cuore, così egli è” (Prov 23:7).Quindi per essere santi, dobbiamo essere santi nella mente. Ecco perché è imperativo cingere i lombi della mente se vogliamo essere santi. Dobbiamo governare i nostri pensieri. Dobbiamo renderli sottomessi all’ubbidienza di Cristo se vogliamo davvero essere santi.

Gli uomini che vissero un impero, 324.3, commentando questo brano. “Le parole dell’apostolo furono scritte per l’istruzione dei credenti di ogni tempo, e contengono uno speciale significato per quelli che vivono nel tempo in cui ‘la fine di ogni cosa è vicina'” (1 Pt 4:7).Chi sono, miei cari amici? Siamo noi. Continuo a leggere: “L’apostolo cercò di insegnare ai credenti quanto sia importante impedire alla mente di vagabondare su temi proibiti e di sprecare le energie su soggetti immorali. Coloro che non vogliono essere preda delle astuzie di Satana devono sorvegliare bene i propri pensieri. Essi devono evitare di leggere, guardare o ascoltare ciò che suscita pensieri impuri”. Devo leggerlo ancora: “Essi devono evitare”cosa? “di leggere, guardare o ascoltare ciò che suscita pensieri impuri. Non bisogna permettere che Satana influenzi la nostra mente con i soliti inganni. Il cuore deve essere fedelmente vigilato, altrimenti i mali esterni risveglieranno mali interiori, e l’anima sarà preda dell’errore. Cingete i fianchi della vostra mente’ scrisse Pietro ‘e stando sobri, abbiate piena speranza nella grazia che vi sarà recata nella rivelazione di Gesù Cristo… non vi conformate alle concupiscenze del tempo passato, quand’eravate nell’ignoranza, ma come Colui che vi ha chiamati è santo, anche voi siate santi in tutta la vostra condotta, poiché sta scritto: ‘Siate santi, perché io sono santo'”.

Oh, miei cari amici, perché queste parole, queste parole di Pietro, perché hanno un significato speciale per coloro che vivono il tempo della fine? Quando “la fine di tutte le cose è vicina” (1 Pt 4:7)?Perché? Ascoltate la frase successiva e saprete la risposta a quella domanda. Sabbath School Worker (lavoratore della Scuola del Sabato, ndT) 1 luglio 1894: “Man mano che ci avviciniamo alla fine della storia della terra, Satana raddoppia i suoi sforzi per gettare su di noi la sua ombra infernale, per fare in modo che i nostri occhi si allontanino da Cristo”.Cosa fa? Raddoppia gli sforzi.“Se riesce a evitare che contempliamo Gesù,saremo sconfitti, ma non dobbiamo permettergli di farlo, perché “noi tutti contemplando a faccia scoperta come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella stessa immagine di gloria in gloria, come per lo Spirito del Signore” (2 Cor 3:18). Qual è la gloria del Signore? …la gloria di Dio è il Suo carattere, e ci è manifestato in Cristo. Perciò contemplando Cristo, contemplando il Suo carattere, imparando la Sua lezione, obbedendo alle Sue parole, siamo trasformati a Sua somiglianza… Contemplando la bontà, la misericordia e l’amore di Dio siamo trasformati nel carattere. Gesù ha detto: “Io ho dato loro la gloria che tu hai dato a me, affinché siano uno, come noi siamo uno”. (Gv 17:22). Su colui che riceve Cristo, si è elevata la gloria del Signore, il Sole di Giustizia ha brillato, e elevandosi dal suo stato basso e mondano, il credente riflette la luce della gloria di Cristo. Mentre continua a guardare Gesù e contemplare la Sua bellezza, viene sempre più trasformato nel figlio della luce”.

Una bellissima frase che riassume le cose che abbiamo studiato nel nostro seminario.

Ed è esattamente il motivo, miei cari amici, per cui Satana sa che Gesù verrà presto, e che se noi come popolo vogliamo essere testimoni efficaci per il Re in queste ultime ore della storia delle terra, e cittadini adatti al Regno, dobbiamo essere simili a Cristo nel carattere, e egli sa che l’unico modo per cui qualcuno possa assomigliare a Cristo nel carattere è contemplando la gloria del Signore, il carattere di Dio rivelato in Cristo, e quindi raddoppia gli sforzi per inventarsi qualsiasi cosa e tutto quello che può per evitare che il popolo contempli Cristo, e l’ha fatto nel mondo oggi, miei cari amici, vero? Certo. È assolutamente incredibile la spazzatura che si trova disponibile tutte le cose che cercano di deviare l’attenzione da Gesù, e penso che il computer, internet, i giochi del computer siano in cima alla lista. E’ davvero spaventoso quanto tempo venga speso contemplando quelle cose; e miei cari amici, non è solo nel mondo che viene fatto. Viene fatto nella nostra amata chiesa.

Per me è incredibile come quasi tutti abbiano i fili oggi. Lo avete notato? Ci sono le cuffie o gli auricolari interni. Viaggio molto e tutti hanno fili. O hanno un cellulare e parlano. O hanno… Come chiamate quei piccoli computer da mano? (Blackberry) E giocano ai giochi sul computer. Lo vedo tutto il tempo. La loro mente è completamente assorbita da ciò che è terreno.

Ora, avendo detto questo, probabilmente ho bisogno di avvertirvi che se mi vedete all’aeroporto, mi vedete con il mio iPod e gli auricolari, e potreste essere tentati di dirmi: “Di sicuro non mette in pratica ciò che predica”. Ma se venite da me, vi darò i miei auricolari. Ascolto le Scritture. Vedete, amici, ho una passione per riscattare il tempo (Efesini 5:16).Mi seguite su questo? Non ne abbiamo molto rimasto, e non voglio perdere un attimo quindi perché non usare la tecnologia e trasformarla in una benedizione? Ha senso? Certo. Ho anche lo Spirito di Profezia nel mio iPod, e nutro la mia mente con cibo spirituale, e sono completamente distaccato dal mondo, ed è una benedizione fantastica, una benedizione fantastica. Per favore siate a conoscenza delle tattiche del nemico in queste ultime ore. Per favore siatene a conoscenza.

Christian Education (Educazione cristiana, NdT), pagina 57: “Riempite tutto il cuore con le parole di Dio…”.Ho sentito un “amen”? (Amen). “I corpi sono formati da quello che mangiamo e beviamo, e come nell’economia naturale, così in quella spirituale, quello che meditiamo dà tono e forza alla nostra natura spirituale”.Vedete, quel detto: “Siamo quello che mangiamo”, non si applica solo alla dieta fisica, si applica anche e soprattutto a cosa? Alla dieta mentale, alla dieta spirituale. “Siete quello che mangiate”.Quello di cui nutrite la mente vi rende ciò che siete, miei cari amici. Per favore, scegliete di non aver cura della carne (Rom 13:14).ma scegliete di aver cura dello spirito. Amen? Con diligenza, decisione, coscienza, perseveranza cercate un momento per nutrire il vostro uomo spirituale con il cibo di cui necessita disperatamente per crescere, per crescere.

Sons and Daughters of God (Figli e figlie di Dio, NdT), pagina 108: “La mente deve nutrirsi di cibo puro se il cuore vuol essere puro”.Volete un cuore puro? Miei cari amici, dovete voler un cuore puro se volete vedere Dio. “Beati i puri di cuore, perché essi vedranno Dio” (Mt 5:8).Ma come si fa ad avere un cuore puro? Dovete nutrire la mente con cibo puro; dovete nutrire la mente con cibo puro. Ora, lasciate che vi avverta. Non è un compito semplice cambiare le abitudini della dieta mentale. In realtà è forse più difficile di cambiare le abitudini della dieta alimentare, che è già difficile. Ci siete? Tra l’altro, c’è un parallelismo diretto. Se avete coltivato il palato per il cibo spazzatura…. Ora abbiamo smesso di predicare e iniziato a immischiarci, vero? Se avete coltivato fame e sete, desiderio di cibo di Mac Donald’s, cibo spazzatura, e poi vi siete convinti di aver bisogno di cibo salutare, cibo sano, e decidete di cambiare, come vi sembrerà il cibo sano e salutare la prima volta? Piuttosto insipido, non interessante. Perché? Perché avete allenato le vostre papille gustative a desiderare i sapori e i condimenti estremamente stimolanti e siete arrivati ad amare tutto il grasso, il grasso concentrato e gli zuccheri concentrati e i condimenti concentrati del cibo spazzatura che è molto lavorato, sapete. Vi siete allenati a desiderare quello, le vostre papille gustative vogliono quello, e quindi quando iniziate a mangiare cibo semplice e sano le vostre papille dicono: “Ahhh, dai, non ti aspetterai che mi piaccia questo, vero?”.E cari voi, ci vorrà un po’ di tempo, ma per favore fatevi coraggio. Se perseverate, potete rieducare il gusto. Potete davvero rieducare le papille gustative a desiderare e gustare sapori semplici e naturali. In realtà vi prometto che se perseverate, arriverete a gustare il cibo sano molto più di quanto gustavate quello spazzatura. Lo so dalla mia esperienza personale, posso testimoniarlo. Molto più di quanto abbiate mai gustato il cibo spazzatura. E sono qui a dirvi che è anche molto più soddisfacente, e che questo si applica direttamente anche alla vostra dieta mentale, tutto quanto. Devo spiegarvi l’applicazione?

Quando iniziate a nutrire la mente di quello di cui davvero ha bisogno, sembrerà orribilmente insipido per i vostri gusti mentali, e non vi piacerà per nulla, ma cari voi, perseverate. Continuate a non curarvi della carne. Perché vedete, se mai tornate al cibo spazzatura, cosa succede ai vostri gusti carnali? Istantaneamente si rieducano e rinforzano. Quindi non curatevi della carne.Non nutrite il vostro uomo carnale e continuate a nutrire l’uomo spirituale e vi prometto che arriverete a goderne molto di più di quanto vi siate mai goduti il cibo spazzatura.

Ora, per quanto riguarda il fattore della soddisfazione, guardate questo. Michea 6:14, “Tu mangerai, ma non ti sazierai e la fame rimarrà dentro di te”.Se nutriamo la mente di cibo carnale, mangiamo ma cosa? Non saremo soddisfatti. Non saremo soddisfatti. Saremo ancora vuoti. Ma sapete che la cosa triste è che così tante persone nutrono disperatamente la mente carnale da non rendersi conto che non sono soddisfatte, e qualche volta una crisi le porta a capirlo. Ricordate la parabola? Luca 15:17 “Allora rientrato in sé”, E’ il figliol prodigo. “disse: ‘Quanti lavoratori salariati di mio padre hanno pane in abbondanza, io invece muoio di fame!‘”.Vedete, si stava ingozzando di tutto ciò che è carnale ma stava morendo di fame. Dio ci aiuta a riconoscere che abbiamo davvero fame anche se ci ingozziamo di cibo carnale, e Dio ci aiuta ad arrivare a Gesù e ricevere il vero cibo.

Giovanni 6:35 “E Gesù disse loro: ‘Io sono il pane della vita, chi viene a me non avrà mai più fame, e chi crede in me non avrà mai più sete'”.Ho sentito un “amen”? (Amen). Oh, fratelli miei, sorelle mie, per favore gustate, “Gustate e vedete quanto l’Eterno è buono” (Salmi 34:8).“Gustate e vedete quanto l’Eterno è buono”.Scegliete di smettere di nutrire il vostro uomo carnale. Iniziate a nutrirvi della Parola di Dio, e vi prometto, sarà la dieta mentale più deliziosa e soddisfacente che abbiate mai visto. Ci alziamo?

Padre nei cieli, per favore aiutaci a capire l’importanza di fare le scelte giuste su come nutrire la mente, e mentre continuiamo questo studio, aiutaci a identificare una delle fonti più dannose della dieta mentale che ha causato più dolore al Tuo popolo di qualsiasi altra cosa. Per favore, Signore, dacci un cuore aperto e uno spirito che impara facilmente mentre continuiamo questo studio. Questa è la nostra preghiera nel nome di Gesù. Amen.

Se desideri, puoi far scorrere la trascrizione e leggerla mentre guardi il video. Se interrompi il tuo studio ad un dato minuto e hai perso il punto della trascrizione, digita semplicemente con il CTRL-F (APPLE-F) le ultime parole sentite. La ricerca ti porterà esattamente in quel punto.

0

Your Cart